Ludovico Ariosto

Ludovico Ariosto nacque a Reggio Emilia nel 1474. Nel 1481 i genitori si trasferiscono a Rovigo, e poi, nel 1484, a Ferrara, dove Ludovico studia diritto presso l'UniversitÓ di Ferrara ed entra nella vita di Corte di Ercole I d'Este, dove conobbe Pietro Bembo ed Ercole Strozzi. Anni dopo abbandona la giurisprudenza e intraprende lo studio della letteratura latina.
Nel 1500 gli morý il padre e i suoi nove fratelli passano sotto la sua responsabilitÓ. Tre anni dopo gli nacque il primo figlio dalla domestica Maria.
Negli anni successivi entra al servizio del cardinale Ippolito II d'Este per il quale compý varie ambascerie e con il quale ebbe un rapporto alquanto contrastato.
L'Ariosto scrive e mette in scena le commedie Cassaria e I Suppositi.
Dopo aver inutilmente tentato di ottenere benefici dall'elezione di papa Leone X e dopo la prima stesura del Orlando Furioso , lasci˛ il servizio presso il cardinale Ippolito e divenne uno stipendiato del duca Alfonso D'Este, con cui vive, verso il 1512 una romanzesca fuga attraverso gli Appennini, per sottrarsi alle ire del pontefice in guerra con gli Estensi.
Dopo aver ristampato nel 1521 il Furioso, essendogli stato sospeso lo stipendio di cortigiano, nel 1522 l'Ariosto deve accettare l'incarico affidatogli dal duca Alfonso: il commissariato della regione montuosa e selvatica della Garfagnana . Dopo un periodo di forte scoramento, riuscý a ben districarsi all'interno della difficile situazione della Garfagnana.
Rientrato a Ferrara, nel 1525, assolse incarichi a lui pi¨ graditi come sovrintendente agli spettacoli di Corte e il duca gli affida varie cariche amministrative.
Riscrive in versi la Cassaria e I Suppositi, rielabora Il Negromante e nel 1528 scrive una nuova commedia, la Lena.
Nel 1527 spos˛ segretamente Alessandra Benucci.
Trascorre gli ultimi anni della sua vita con la famiglia a Ferrara, revisando l' Orlando Furioso , la cui edizione definitiva esce nel 1532.
Morý nel 1533 a Ferrara. Dal 1801 il suo corpo Ŕ tumulato nella sala maggiore della Biblioteca Ariostea di Ferrara.

torna indietro