Immagini

Stazzema

StazzemaSuperficie Comunale: Kmq. 80,72
Popolazione:
3.448
Densità per kmq.
:43

Indirizzo: Piazza Europa, 1 - Ponte Stazzemese
Cap:55040
Tel.0584/77521
Fax 0584/777259

 

BusRistoranteRicettività turistica

Tra selve di castagneti, a 400 m. sul livello del mare, al centro delle Alpi Apuane, che abbracciano l'Alta Versilia, sorge Stazzema.
Si trova circondata infatti tra aspri massicci: il Monte Procinto, il Monte Nona ed il Monte Matanna, che sembrano formare, intorno a lei, un ferro di cavallo.
Il primo documento in cui viene menzionata Stazzema è dell'871.
Il nome "Stazzema" sembra derivare da "STATIEME", stazione invernale, oppure da Statisa, cioè Stazione Militare.Le sorti di questo comune sono state a lungo legate all’estrazione e alla lavorazione dei minerali ferrosi abbondanti nel suo territorio, tanto che nel suo stemma è raffigurato un braccio ferrato con un martello in mano che percuote un incudine.

La posizione strategica del paese fu riaffermata tragicamente durante la II guerra mondiale. A S.Anna di Stazzema i Nazisti trucidarono il 12.08. 1944, 560 persone indifese. Qui si trova il Museo storico della resistenza e l'Ossario di Col di Cava, monumento-ossario che il paese di S.Anna ha costruito per ricordare il barbaro eccidio.Oltre Sant’Anna sono frazioni del comune Pontestazzanese, Farnocchia, Pomezzana, Cardoso, Pruno e Volegno, Val di Castello e lungo la strada di collegamento con la Garfagnana, Levigliani, Terrinca e Arni, sempre su questa strada si possono ammirare le “Marmitte dei Giganti”, particolare formazioni geologiche dovute all’erosione dell’acqua mista a ciottoli dalla caratteristica forma circolare.

 

LUOGHI DA VISITARE

Museo Storico della Resistenza e Parco della Pace di Sant’Anna
I tragici eventi del 12 Agosto 1944 sono ricostruiti all’interno del museo della resistenza divenuto un simbolo internazionale di opposizione a tutte le guerre. La quiete di questo piccolo borgo montano, sconvolta in quei giorni dalla follia umana, resta oggi inalterata a perenne simbolo di pace.

Pieve romanica di S.Maria Assunta
(IX secolo)
Si segnala da vedere all'ingresso del paese la bella Pieve romanica di S.Maria Assunta a tre navate; nonostante sia stata dichiarata monumento nazionale, purtroppo non risulta in buone condizioni.
La sua facciata si presenta semplice con un rosone marmoreo cinquecentesco. L'interno assai più ricco è diviso in tre navate da una serie di colonne sormontate da capitelli gotico-romani e un artistico soffitto del XVI secolo. L'attuale chiesa romanica è costruita sulla precedente del IX secolo ed è del XIII secolo.
Nel presbiterio troviamo una pala raffigurante la Madonna Assunta attribuita al Rosselli.
L'altare seicentesco è finemente lavorato ma, il pezzo più importante dell'edificio è l'Organo del Settecento.

La Torre Delle Ore
E' situata nel centro di Stazzema ed è un ricordo della dominazione medicea.

L'Antica fontana marmorea
E' una plurisecolare fontana, una delle prime due sorgive che hanno sempre fornito acqua al paese fin dalle origini. Si trova in una stradina oltre la piazza della torre delle ore.

Il Santuario del Piastraio
A pochi minuti di cammino da Stazzema.
Fu eretto nel 1821 per volere dei cavatori di marmo che, nel recarsi al lavoro, passavano davanti all'immagine della Madonna detta "del Buon Amore".

Antro del Corchia
Una parte del grande sistema carsico del Corchia è stato attrezzato per le visite turistiche, oltre mille aerei scalini conducono il visitatore in luoghi di straordinaria bellezza, con una visita guidata di circa due ore. La partenza è dal paese di Levigliani da dove un servizio navetta conduce all’ingresso dell’Antro.

torna indietro