Immagini

Vagli di Sotto

Vagli di SottoSuperficie Comunale: Kmq. 41,02
Popolazione:
1.188
Densità per kmq.
:29

Indirizzo: Via Europa, 4
Cap:55030
Tel.0583/664053
Fax 0583/664343

 

BusRistoranteRicettività turisticaArea sosta/Camper pic-nic

Il territorio di Vagli Sotto si estende nella valle del torrente Edron, in Garfagnana.
Nei secoli centrali del Medioevo fu sottoposto al dominio dei da Careggine poi a metà del Duecento entrò a far parte della repubblica di Lucca e quindi nel 1451 si consegnò agli Estensi, rimanendo allo stato emiliano fino all'unità d'Italia.

Nel 1953, portata a termine la costruzione della diga di Vagli, la vallata del torrente Edron fu trasformata in bacino idroelettrico e l'insediamento di Fabbrica di Careggine, con la fascia pianeggiante che offriva all'agricoltura i terreni migliori, venne sommerso.
Il lago artificiale di Vagli, uno dei più grandi d’Europa, è molto conosciuto in quanto racchiude appunto nelle sue verdi acque il “paese fantasma” di Fabbriche di Careggine, che può essere visitato in occasione dello svuotamento periodico del bacino.

Del Comune fanno parte le frazioni di: Vagli Sotto, Vagli Sopra e Roggio che offrono ai visitatori la possibilità di escursioni con panorami mozzafiato e spettacoli naturali come rossi tramonti e fantastiche albe.

In passato le risorse principali del territorio comunale erano costituite dai boschi di castagni e, nel fondovalle, dalle colture cerealicole e dai pascoli.
A partire dai primi anni del Novecento iniziò l'escavazione su larga scala del marmo, quando venne finalmente costruita una strada che ne permetteva il trasporto a valle.
Oggi, l’economia dell’area si basa soprattutto sull’escavazione e in misura più ridotta sul turismo prevalentemente legato all’escursionismo e all’ambiente.

 

LUOGHI DA VISITARE

Campocatino
Splendida conca di origine glaciale ai piedi del Monte Roccandagia, accoglie ai suoi margini l’antico alpeggio dai caratteristici “caselli” coperti a lastre di calcare, oggi sede dell’oasi LIPU. Da Campocatino con un’escursione di circa trenta minuti si raggiunge l’eremo di San Viano, splendido esempio di architettura in abri.

Valle d’Arnetola
Splendida valle apuana caratterizzata dalla presenza di attività di escavazione del marmo, ma anche di alcuni siti di interesse turistico come la cava-museo e la cava Borella attrezzata per spettacoli teatrali. La settecentesca Via Vandelli, che collegava Modena con Massa, sale, ardita, al Passo Tambura per scendere poi a Resceto

torna indietro