Immagini

San Romano in Garfagnana

San Romano in GarfagnanaSuperficie Comunale: Kmq. 26,04
Popolazione:
1.427
Densità per kmq.
: 55

Indirizzo: Via Roma, 9
Cap:55038
Tel.0583/613181
Fax 0583/613306

 

Castello o RoccaBusRistoranteRicettività turistica

Di fronte a Camporgiano, sulla riva sinistra del Serchio, si estende in posizione panoramica il paese di San Romano.
Fino a metà del Duecento, San Romano fu dominio dei conti Gherardinghi che, arroccati nel castello di Verrucole, dominavano la valle.
Poi, dopo un breve periodo di autonomia, seguì le sorti dell’alta Garfagnana, prima sotto la giurisdizione di Lucca e poi dal 1448 degli Estensi.

E come per tutti gli altri paesi della Garfagnana, anche l’economia, un tempo prevalentemente rurale, basata sull’agricoltura di montagna, sull'allevamento di qualche gregge e sulla raccolta delle castagne, oggi, si rivolge soprattutto al settore terziario e in particolare il turismo che costituisce la principale fonte di reddito.

Da San Romano, che gode di una posizione pittoresca ai piedi della Pania di Corfino, è infatti possibile effettuare interessanti escursioni sui versanti dell'Appennino toscano ed in particolare nel vasto Parco dell'Orecchiella che in un'intatta foresta di faggi e d'abeti ospita cinghiali, cervi, caprioli, martore, tassi, donnole e 130 specie di uccelli.

 

LUOGHI DA VISITARE

Fortezza delle Verrucole
La Fortezza delle Verrucole si allunga, bella e imponente, in direzione nord est-sud ovest, sul colle che sovrasta il paese di San Romano. Visitando la fortezza, recentemente restaurata si può ammirare il torrione poligonale, la cortina muraria che lo delimita, i resti di varie strutture, una galleria conducente alla casamatta sotterranea, la possente cinta muraria e due bastioni, uno a punta acuta, l´altro a punta tonda. In corrispondenza delle porzioni morfologicamente più basse della cortina sono situate due torri semicircolari e due porte, di cui quella situata nel lato orientale è tamponata.

Centro visitatori Parco dell’Orecchiella
Costituisce la porta d’ingresso alle riserve naturali e al parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano. Vi si trovano strutture didattiche e museali oltre le aree faunistiche raggiungibili con percorsi facilitati. Dal centro visitatori partono anche tutti i sentieri che conducono nelle aree di maggiore interesse naturalistico ed escursionistico del parco.

La Sambuca
Il piccolo borgo della Sambuca, costruito su un roccione diabasico in prossimità del fiume Serchio è arroccato intorno alla sua chiesa parrocchiale dalla cui sommità si può vedere il profondo canyon che separa il colle della Sambuca da quello della Capriola.

torna indietro